Introduzione al Kinomichi

Il maestro Noro Masamichi, il creatore del Kinomichi diceva, nel suo francese caratteristico, che alla base della disciplina ci sono le “5S”: Souplesse, Sourire, Spirale, Sexy, Spiritualité (Flessibilità, Sorriso, Spirale, Sexy, Spiritualità).

In una intervista del 1998 a Berlino alla domanda su come si esprimesse l’aspetto spirituale nel Kinomichi rispondeva con queste parole:

“I grandi saggi ci hanno lasciato dei simboli. Ad esempio, il simbolo della croce. I buddisti hanno i loro simboli, gli shintoisti i loro. Ma se analizzi questi simboli, vedi che simboleggiano tutti l'equilibrio. L'equilibrio delle energie. Questo è fantastico: il sentiero dell'equilibrio. Quando l'uomo perde l'equilibrio, quella è la sua fine. La spiritualità è cibo per l'uomo. Ma cibo per cosa? Per il suo equilibrio. Molti vedono nell'acqua e nel fuoco due elementi che si combattono, annichilendosi a vicenda. Ma questa è un'interpretazione limitata. Come nasce la vita in una cellula? Gli elementi più importanti per questo sono l'acqua e il fuoco, per l'origine della vita. Nel momento in cui queste due energie si confrontano l'una con l'altra, quella sarebbe la fine. Ma quando queste due energie sono assolutamente equilibrate, come si esprime nel gesto della croce... Non c'è niente di mistico o di magico nella spiritualità. Non è così spettacolare. È solo l'uomo nel suo equilibrio. Rimango sempre stupito quando in primavera le piccole graminacee spuntano di nuovo dal terreno. Questo grande potere che si manifesta di nuovo ogni primavera.”