top of page

Yoga dinamico

Non bisognerebbe allungarsi né troppo né troppo poco. Se una cosa viene iper-allungata; altra viene ipo-allungata.

Se iper-allungamento è dovuto ad un eccesso di ego, ipo-allungamento è dovuto ad una mancanza di fiducia in sé stessi.

Se il primo è una forma di esibizionismo, il secondo è una forma di fuga dalla realtà.

Sono entrambi sbagliati: allungatevi sempre a partire dalla fonte, dal nucleo, e dalle fondamenta di ogni asana. Questa è arte dell'estensione dinamica.

Nella pratica corretta degli asana, non esiste ristrettezza. Anche se il vostro corpo è rigido,

dovete creare spazio. [...] Ogni volta che allungate la pelle, distendete anche le terminazioni nervose, permettendo loro di aprirsi e di eliminare le impurità accumulate. Per questo motivo insegno allungamento e l'estensione. I nervi si allentano e si rilassano. Ci sentiamo come se stessimo allungando contemporaneamente la pelle, i muscoli, e persino le ossa del nostro corpo. Bisogna praticare gli asana creando uno spazio tra i muscoli e la pelle, in modo che il corpo si adatti perfettamente alla posizione che si sta eseguendo. Per farlo, deve essere l'intero corpo ad agire. Per allungare una parte, bisogna allungare il tutto.

Se l'allungamento è uniforme in tutto il corpo, non vi saranno tensioni. Ciò non significa che non c'è sforzo.

Lo sforzo c'è, ma è pura euforia. Non ci sono tensioni o sforzi impropri.

Dentro di noi percepiamo uno stato di ebbrezza. Quando sono presenti delle tensioni, significa che la pratica dello yoga è solamente fisica e porta allo sviluppo di squilibri. Ci sentiamo stanchi e spossati, e ci irritiamo e turbiamo con estrema facilità. Quando smettiamo di sforzarci, e il nostro cervello rimane passivo, significa che stiamo praticando

lo yoga spirituale.

Una volta che vi siete allungati al massimo, vivete la posizione, e sperimentate la gioia della libertà che vi trasmette. Durante l'allungamento, ricordatevi sempre di creare spazio, e di allungarvi a partire dal vostro centro. La compressione è schiavitù, mentre l'espansione è libertà.

L'espansione orizzontale e l'estensione verticale dovrebbero essere sincronizzate tra loro, così di permettervi di stendervi in ogni direzione. La libertà in una posizione si ottiene quando ogni giuntura è attiva. Sentiamoci pieni in qualunque posizione eseguiamo, proprio come dovremmo sentirci pieni in ogni cosa che facciamo nella vita.


Da Vita nello Yoga di BKS Iyengar, Edizioni Mediterranee

Comments


bottom of page