top of page

ven 17 mag

|

Torino

Lo Zen e l'arte di manifestarsi senza fare rumore

Due appuntamenti con Annamaria Gyoetsu Epifanìa danzatrice, monaca e maestra Zen , insegnante di Tai Chi Qi Gong

I biglietti non sono in vendita
Scopri gli altri eventi
Lo Zen e l'arte di manifestarsi senza fare rumore
Lo Zen e l'arte di manifestarsi senza fare rumore

Orario & Luogo

17 mag 2024, 21:00 – 22:30

Torino, Via Villa Glori, 6, 10133 Torino TO, Italia

Programma

Il giorno 17 maggio, alle ore 21, Annamaria Gyoetsu Epifanìa, in dialogo con Ezio Quarantelli,

presenterà il suo libro La Via degli occhi limpidi (Lindau, 2024).

L’ingresso è libero e non è necessario prenotare.

Il giorno 18 maggio, alle ore 9,30 terrà invece un workshop, della durata di circa tre ore, aperto anche a

chi non ha già esperienza di meditazione. È consigliato un abbigliamento comodo (sono disponibili due

spogliatoi). Ciascuno dei partecipanti dovrà invece portare con sé un telo per coprire il tappetino messo a

disposizione dalla struttura.

La quota di partecipazione è di euro 15,00. In questo caso è necessaria la prenotazione. Per prenotare

inviare una email entro il giorno 15 maggio a passidigioia@gmail.com.

ll workshop

Quando sediamo in Zazen (zen - meditazione, za - seduta) restituiamo al mondo la purezza. Va coltivato

un buon cuore così da rendere il nostro corpo-mente trasparente come uno specchio d’acqua di montagna.

La natura della mente, brillante di per sé anche quando c’è la tempesta, riflette tutte le cose. Lo fa oggi e

ogni oggi. Una sincera motivazione verso l’emancipazione è di grande supporto nell’impegno a praticare.

Occhi limpidi nel quotidiano hanno il potere di cogliere in profondità il vero senso di ciò che accade,

fugando così il rumore di rabbia e paura che avvelenano la realtà. Anche le emozioni, grazie a una

costante pratica di ascolto che apre alla comprensione della fluidità di ogni attimo, si rivelano forme vive

nel fiume dell’esistenza. Scopriremo che la quiete dentro di noi è lì da sempre.

Grazie alla pratica il corpo sviluppa qualità virtuose che trasformano le nostre tensioni in spazi aperti.

L’ascolto del corpo rivela un equilibrio originario. La cura delicata e intensa della postura fa sì che il

respiro ci attraversi senza ostacoli, con ritmo inarrestabile. L’azione diventa bellezza, verità. Suscita

naturalmente rispetto. Risulta viva, vera. Immersi nell’esistenza non possiamo coglierne la danza,

possiamo solo danzare. Il cuore viene così espresso con completa e perfetta devozione e il corpo in

movimento è il movimento stesso.

Prenderci cura di noi stessi ci rende consapevoli di ciò che attraversa il nostro corpo-corpo dell’universo,

e i benefici che ne traiamo sono doni per tutti gli esseri.

Noi e tutte le esistenze siamo uniti nell’atto del manifestare il suono del risveglio che dà vita a pace e

armonia.

“Quando la nostra azione proviene dal profondo della vita, è danza.” Dainin Katagiri Roshi, Maestro Zen

Annamaria Gyoetsu Epifanìa

Annamaria Gyoetsu Epifanìa è monaca e maestra zen, danzatrice, danzaterapeuta e insegnante di Tai Chi -

Qi Gong. Diplomata presso l’Accademia Nazionale di Danza di Roma, ha danzato come solista accanto a

Carla Fracci e Rudolf Nurejev, per l’Aterballetto, l’Arena di Verona e i più prestigiosi teatri ed Enti lirici.

Ha integrato la sua formazione artistica con esperienze di teatro d’avanguardia e tecniche psicomotorie,

arti marziali, terapie olistiche, studiando tra gli altri con Lindsay Kemp, Kazuo Ono. Ha iniziato il suo

percorso nella Via del Buddha nel 1985 con lo Zen Soto, sperimentando poi anche diverse scuole di

Buddhismo con insegnanti autorevoli quali Thich Nhat Hanh, Ghesce Ciampa Ghiatso, Corrado Pensa.

Dal 1997 si dedica completamente alla pratica dello Zen Soto. È ordinata monaca nel 1999 nel Tempio

della Gendronnière in Francia. Insieme al Reverendo Guglielmo Doryu Cappelli, compagno d’arte e di

vita, ha fondato e dirige il Centro Zen Anshin, Pace del Cuore, affiliato all’Unione Buddhista Italiana, a

Roma dove risiede. Discepola di uno dei massimi esponenti dello Zen Soto Internazionale, il Maestro

Shohaku Okumura Roshi, fondatore della Sanshinji Zen Comunity negli Stati Uniti, nel 2016 riceve da lui

la Trasmissione del Dharma confermata in Giappone nel 2019 nei Templi di Ehieji e Sojiji con la

Cerimonia di Zuise. Ministro di Culto riconosciuto dallo Stato Italiano, è impegnata con il DIM (Dialogo

Interreligioso Monastico) e con la Fondazione Astalli per l’educazione alla diversità nelle scuole. Ha

pubblicato per la Casa Editrice Lindau il suo primo libro Se respiri, stai danzando. L’Arte di arrendersi al

movimento, segnalato dalla giuria nelle rosa dei candidati per il Premio Internazionale Mario Luzi.

Sempre con Lindau ha pubblicato nella primavera del 2024 La via degli occhi limpidi.

Condividi questo evento

bottom of page